Pittore paesaggista autodidatta, nato a Valvasone (PN) il 02/02/1945. Vive e lavora a Pordenone via Colvera n° 17.
Per le sue opere trae spunto dalla natura e in esse può ritrovare l’influenza di molti autori del Novecento ma non solo. Nei suoi quadri, si può leggere l’attenta osservazione degli stili e delle correnti artistiche che ha potuto osservare e studiare nelle sue svariate visite a gallerie e mostre artistiche di cui lui stesso e stato partecipe. Se da una parte declama la sua autonoma formazione, dall’altra attinge in continuazione al mondo dell’arte, dissimulando ripetutamente i prestiti. Sarebbe riduttivo definire le sue opere creazioni di un “pittore della Domenica”, dato che spesso questa etichetta viene affissa a coloro che praticano l’arte a livello dilettantistico e non al frutto di una forma quasi materia dell’uso della pittura; le sue pennellate marcate e i suoi chiaroscuri ci trascinano all’interno dell’immagine quasi fosse possibile per noi, toccare la natura in essa riprodotta.
E’ un genere potente, passionale, vibrante, che trasmette tutti i sentimenti e le angosce che l’autore sta vivendo nell’atto della composizione e realizzazione. L’artista riporta nelle sue tele appunti di vita quotidiana, quasi fosse un diario di viaggio personale,annotando proprie riflessioni e traduzioni di quello che esso osserva. Come ogni viaggiatore cerca di rendere partecipe il suo pubblico alle meraviglie ed hai segreti a cui ha assistito. Attilio è un Pittore contemporaneo, che ha esposto in numerose personali e collettive in varie città, riscuotendo successi di critica e di pubblico.
Fa parte di uno dei 100 Artisti Friulani che espongono permanentemente all’ospedale CRO di Aviano (PN)