Gianfranco Tramaglino nasce a Sassari il 26 maggio del 1962.
Sostiene il percorso di studi che lo porta nel 1985 ad ottenere la cattedra di docente della scuola primaria ed a conseguire successivamente la maturità artistica presso il Liceo Artistico Musicale di Tempio Pausania.
Intraprende una serie di viaggi presso musei e luoghi d’arte durante i quali ha modo di contemplare le opere dei grandi maestri della pittura e di sentire crescere in lui il bisogno di coltivare un proprio percorso espressivo.
Trasferitosi presso Porto San Paolo, una delle zone più suggestive della Gallura,si dedica alla pratica di diverse tecniche pittoriche e allo studio dei più svariati linguaggi artistici nell’intento di costruirne uno proprio.
Realizza acquerelli, ritratti, insegne, e diversi “trompe l’oeil” presso residenze private e locali pubblici della costa nord orientale della Sardegna.
Apprende la tecnica della serigrafia artistica alla quale si dedica con passione collaborando alla realizzazione di stampe serigrafiche per diversi autori contemporanei.
Ritrova nuovo entusiasmo per la pittura in un percorso di ricerca basato sulla trasfigurazione della realtà osservabile e sulla sua “ricostruzione percettiva” attraverso elementi geometrici, vere e proprie tessere di puzzle, dipinte o realizzate con svariati materiali tra i quali il polistirolo. Le forme della realtà si alterano, nella raffigurazione pittorica dell’artista, fino a perdere, se osservate nel dettaglio, la loro originaria riconoscibilità. La loro ricomposizione si realizza nella percezione globale dell’immagine rappresentata. Si dedica alla realizzazione di particolari orologi a moto ritroso e dal design minimale con alcuni dei quali partecipa nel 2009 all’esposizione per la manifestazione “Estate insieme al Corso” presso la P.zza Garibaldi a Nuoro
Partecipa nel gennaio 2010 alla collettiva organizzata dall’associazione “Prometeo” presso l’omonimo centro culturale di Terralba.
Presenta la mostra personale “Doppiamente”, dal 21 maggio al 27 giugno, presso lo spazio “Proposte d’Interni” in via Roma 50 a Sassari.
Ottiene, con una sua opera intitolata “l’attesa” la menzione d’onore al concorso “Sennori art” 2010.
Nel luglio del 2010 un suo quadro intitolato “Magica danza” viene prescelto dalla Provincia di Sassari quale opera celebrativa della più importante festa cittadina: la processione dei candelieri. L’opera, della quale sono state realizzate 50 serigrafie artistiche, donate dall’Ente Provinciale a varie autorità, è attualmente esposta nella Galleria Permanente del Palazzo della Provincia di Sassari. Il quadro rappresenta il gioioso momento che precede l’ingresso dei “candelieri” all’interno della chiesa di Santa Maria di Bethlem, dove si rinnova il rito religioso che ogni anno rinnova la profonda devozione della città di Sassari alla Vergine Assunta.
Nel settembre del 2010 partecipa, con l’esposizione delle proprie opere, al festival “Il Respiro dell’arte” presso il centro di Osilo.
Inaugura nel dicembre 2010 la mostra dal titolo “Corpi” presso il locale “H2O” nella centralissima Piazza Italia a Sassari e partecipa alla mostra collettiva “L’acqua e la vita” presso la “Scuola serale” a Sassari
Nel Gennaio 2011 produce, su commessa effettuata dall’Amministrazione della Provincia di Sassari, 50 serigrafie artistiche tratte da una sua opera intitolata “L’incontro”. Nel novembre 2011 partecipa alla rassegna d’arte “10 artisti per 10 settimane”.
Inaugura nel dicembre 2011 la l’esposizione ”Inmostra” presso il centro espositivo “proposte d’Interni” in via Roma a Sassari.
Nello stesso mese partecipa alla rassegna collettiva “La terra e l’Amore” , organizzata dall’ associazione culturale “Intra Intro”.
Nel dicembre 2013 allestisce presso il centro cuturale “Il vecchio Mulino”, a Sassari, una mostra dedicata alle “Città Invisibili” di Italo Calvino.